“Che gli uccelli dell’ansia e della preoccupazione volino sulla tua testa, non puoi impedirlo; ma puoi evitare che vi costruiscano un nido.” (Proverbio cinese)

Posted on Feb 6, 2017 in Blog, Motivazionale | 35 comments

“Che gli uccelli dell’ansia e della preoccupazione volino sulla tua testa, non puoi impedirlo; ma puoi evitare che vi costruiscano un nido.” (Proverbio cinese)

Che gli uccelli dell'ansia e della preoccupazione volino sulla tua testa, non puoi impedirlo; ma puoi evitare che vi costruiscano un nido. (Proverbio cinese)

“Che gli uccelli dell’ansia e della preoccupazione volino sulla tua testa, non puoi impedirlo; ma puoi evitare che vi costruiscano un nido.” (Proverbio cinese)

Eh già…
Difficile non avere mai delle preoccupazioni che ci volino nella testa.
E la “preoccupazione” ha una sua utilità perché mi pone nell’ “attenzione” a ciò che sta avvenendo o sta per avvenire e quindi a non sottovalutare il problema.
Quando però la preoccupazione diventa troppo alta, mi potrebbe mettere in un blocco e farmi restare “fermo” e quindi a non focalizzarmi sulle possibili “soluzioni”.
Sembra un paradosso, ma quando siamo “dentro al tunnel” le soluzioni non si vedono e si rimane concentrati solo sul tunnel.

Un sistema potrebbe essere quello di utilizzare la tecnica F.A.R.E.

Focalizzare: selezionare e definire il problema (capire qual è il problema e dargli il giusto peso. Circoscriverlo)
Analizzare: definire le informazioni da ricavare e la loro importanza per poi raccogliere i dati.
Risolvere: creare soluzioni alternative e selezionare la migliore. Sviluppare di un piano di attuazione.
Eseguire: definire l’obiettivo desiderato, eseguire il piano e monitorare dei risultati.

Capisco che non è attuabile in tutte le problematiche che possiamo avere, ma è comunque un inizio per far iniziare a volare via un po’ di uccelli dalla nostra testa ed iniziare a focalizzarsi sulle possibili soluzioni.

Buona giornata.

Segui i commenti su FaceBook!

Leggi cosa possiamo fare assieme

Scrivimi, ti rispondo velocemente

35 Comments

  1. Lavorare su se stessi…giusto …lavorare è fatica …ma ne vale la pena..Niente nidi in testa…ammirarli in natura…sono uno spettacolo! !!Esserini tanto piccoli e tanto architetti. Uscire dal tunnel…sono opprimenti…manca l’ossigeno …Non si vede il cielo …Non si vede la vita

  2. Buongiorno ma questo Uccelli ci provano sempre!!

    • Buongiorno Giusy! Eh si… sono piuttosto insistenti! E noi continuiamo ad accompagnarli via! Buon inizio di settimana!

    • Il tuo counselor grazie

    • Se ci pensiamo bene l’uccello per costruire il suo nido ci impiega tanto a farlo, ramettto per rametto, quanta pazienza per farlo e Noi o abbiamo la forza di spazzarlo via con una spazzata oppure spesso siamo a crogiolarci anzi lo aiutiamo pure!!! Buona settimana a tutti 🤗

    • Forte l’immagine che hai messo… siamo noi che lo aiutiamo a farlo… grazie!

    • E se invece insegnassimo a volare a questo Uccellino?

    • Pensa si posa su di’ te perché sei rassicurante e tu sei in grado di insegnare ai suoi piccoli a Volare !! 😘

    • E comunque se decide di appoggiarsi su di Me io sono un Albero pieno di Rami

    • Non male come idea!

    • Facciamolo imparare il prima possibile… magari insegnandogli anche a non far arrivare altri uccellini!

    • Gli Uccelli sanno ogni anno dove riposarsi, quindi bisogna “Cambiare” posizione… vedi si torna sempre allo stesso concetto… IL CAMBIAMENTO…

  3. Come non pensare all’ inquietante film di Alfred Hitchcock “Gli Uccelli”…uccelli che, come le ansie, possono ingenerare scompiglio e paura. Nel film, la rivolta dei volatili assume un significato diverso…ma perche’ non vederlo anche come la distruzione che, un peso eccessivo di ansie, puo’ esercitare su di noi…sulla nostra visione delle cose…sulle nostre emozioni…sul nostro vivere quotidiano…sulla nostra gioiosa disposizione ad “amare”? Infatti e’ proprio quando l’ ansia – in questo caso l’ uccello – riesce a costruirsi un nido dentro di noi che poi e’ estremamente difficile “snidarlo”…spesso, tra l’altro, sommerso da una serie di convinzioni e credenze che lo rendono quasi “inaccessibile”!…ed intanto quello “cova”!!!
    Bello questo detto cinese!..Mi Piace!

    • Eh si Marina! Purtroppo quando il nido è “nascosto” il compito è leggermente più complicato! Ma come sappiamo… niente è impossibile! Grazie!

  4. Le ansie..le preoccupazioni.. già focalizzare il problema è prenderne coscienza e dargli il giusto peso. Esistono nidi che sono lì da sempre..toglierli implica il coinvolgimento di tanti sentimenti contrastanti.. ma rametto dopo rametto con determinazione ce la posso fare. Quello che posso fare adesso è non far nidificare altri..

  5. Evitare! Sarebbe bello, ma si può provare!

  6. A volte le ansie sono indotte dall’esterno, da informazioni esterne elaborate nel modo errato. E l’ansia ha un ben noto fattore scatenante, che tra l’altro è stato scritto nel post, ed è: “non avere una soluzione”. Si parte da lì. Se non so come affrontare un problema, mi cresce l’ansia. La risoluzione parrebbe facile, basterebbe avere una soluzione per ogni problema. Peccato non vi sia. Tuttavia si può cercare un metodo risolutivo. Uno può essere quello citato, F.A.R.E., c’è ne sono molti ed ognuno deve trovare il suo a cui meglio si adatta.

    • Ti ringrazio tantissimo per l’alto contributo che hai aggiunto a questa riflessione. Vero, esistono vari metodi che ci permettono di cercare un metodo risolutivo ed ognuno è soggettivo alle risorse che la persona ha dentro di se. Buona giornata Didier.

  7. Wow grazie per le dritte!!

  8. Io ci dormo su la mattina come per magia trovo la soluzione ciaoo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *