“Ricominciare da capo non è follia. La vera follia è abbandonarsi alla depressione e fare finta di essere felice.”

Posted on Mag 2, 2017 in +100 Like FB, Blog, I più visti, Motivazionale, Riflessivo | 107 comments

“Ricominciare da capo non è follia. La vera follia è abbandonarsi alla depressione e fare finta di essere felice.”

"Ricominciare da capo non è follia. La vera follia è abbandonarsi alla depressione e fare finta di essere felice."

“Ricominciare da capo non è follia. La vera follia è abbandonarsi alla depressione e fare finta di essere felice.”

Difficile non condividere quanto si legge sulla lavagna…
Purtroppo può succedere di cercare di far finta di niente e continuare ad alimentare i comportamenti “nocivi”.
Quello che possiamo fare è di essere “noi stessi”… con le nostre paure, fragilità e difficoltà.
“Regalarci” un momento in cui abbracciare quel nostro disagio ed avere la forza di condividerlo.

Far “finta” di essere felici, forse, alla lunga è più pesante da portarsi di essere “tristi”.

Cosa ne pensate?
Buona giornata.

Segui i nuovi commenti su FaceBook!

Segui i commenti su FaceBook!

Leggi cosa possiamo fare assieme

Scrivimi, ti rispondo velocemente

107 Comments

  1. Naaaaaa!! La depressione bisogna farla venire agli altri!!

    • Questa mi sembra un’ottima strategia conservativa!… magari un “capellino” offensiva! 😂😂

    • In guerra e in amore tutto è concesso. Come dicevano i Romani? Morte tua vita mia

    • Appunto! E qui si legge tutto il spirito guerriero!

  2. Gli psichiatri la chiamano depressione mascherata…si .ci siamo conosciuti tempo fa. ..ora alti e bassi …ma nella normalità senza un conoscente dal nome depressione parecchio ostrico…scherzo lo so come si dice..ostico

  3. Buongiorno!.. A volte capita di essere triste, la vita non risparmia nulla, ma per il lavoro che svolgo non mi e’ permesso dimostrarlo, nemmeno nella vita privata..costretta a mettere una maschera che non mi appartiene mi sfinisce ancora di piu..L’unico momento in cui riesco ad essere me stessa, e’ la sera, quando torno a casa, perche’ e’ l’ unico momento in cui poso la maschera e posso dar sfogo ai miei veri sentimenti

    • Purtroppo comprendo bene quello che scrivi Maria… per quello che puoi, cerca di mantenere un livello “leggero” nei momenti in cui non puoi essere te stessa, con la consapevolezza di quello che stai vivendo. Una “compressione” portata a lungo può diventare molto pericolosa. Se pensi che ti possa essere utile, contattami pure privatamente. Buona giornata.

    • Grazie. 😊

  4. Purtroppo in certi momenti della vita non è facile !!!!!!maaaa si può sempre ricominciare c’è quasi sempre un altra possibilità mai arrendersi ☕ Ciao Franco

    • Vero Lorena! Ma quello che può essere importante in quei momenti è non “comprimere” troppo a lungo quel disagio… potrebbe diventare pericoloso… Buona giornata!

  5. Non mi piace mostrare tutte le mie fragilità..non con tutti..è come fare la scema di ieri.. non tutti meritano di vederla..
    E non è avere una maschera..è sciegliere di mostrare quello che ti va.. quello che il contesto richiede. Buongiorno Franco!

    • Vero Daniela… quello che è importante è che se la condizione della “maschera” copre un disagio importante, è utile fare qualcosa prima che la compressione diventi un vero problema… Buongiorno!

  6. No no mai abbandonarsi alla depressione anche se non è sempre facile reagire…comunque bisogna accettare certe situazioni difficili riflettere ed esserne soprattutto consapevoli ed elaborare…rimanendo se stessi anche se tristi quando si ritrova l equilibrio la tristezza lascia spazio alla serenità!!!! Non bisogna aver paura di essere se stessi nel bene e nei dolori perché tutti abbiamo sofferto per qualcosa o per qualcuno nella vita e ognuno sente il proprio dolore….a volte ci sembra che le croci delle altre persone siano meno pesanti ma se poi ci si mette nei loro panni si riesce a capire tante cose e che nella sofferenza non siamo soli…anzi nel dolore ci si può aiutare!!!

    • Che bello quello che scrivi Rosanna… si, possiamo pensare che le sofferenze degli altri siano meno dolorose delle nostre ma solo perché non siamo veramente in “loro”. Ed è proprio importante il potersi permettere di esprimere il nostro disagio senza “reprimerlo”… Buona giornata Rosanna.

    • Grazie mille Franco di ❤

  7. Verissimo

  8. Esattamente!
    Ho messo tutto in discussione,ed ho ricominciato da …me!
    Però non è facile,ci vuole un po’ di sana pazzia!

  9. Sono perfettamente d’accordo con te!. Inoltre colgo l’occasione x dirti che trovo interessante i tuoi post….ciao

    • Ciao Filippo! Ti ringrazio tantissimo… Felice che ti possano essere utili. Buona giornata.

  10. Verissimo ma non è facile…

    • Vero Iva… però possiamo prestare attenzione a quei piccoli segnali iniziali di disagio che ci mettono in allarme prima che siano troppo grandi…

  11. No depressione… w la vita anche se non è delle migliori… Con gli alti e i bassi… Sempre positivi davanti a tutto… buonissima giornata

    • Bello Teresa! Proprio vero… con gli alti ed i bassi! Buonissima giornata anche a te!

  12. Purtroppo certe volte a causa di forze maggiori ci si ritrova a dover imparare a convivere con la depressione, perché non possiamo permetterci di stare male e fermarci.. e così ci stampiamo un sorriso in faccia ogni mattina e fingiamo di vivere normalmente un giorno dopo l’altro.. le ferite dell’anima nessuno le vede, troppi le sottovalutano…

    • Verissimo Lisa… in certi casi sembra quasi l’unica soluzione possibile quella di indossare la maschera del “va tutto bene”… Forse, la cosa più importante, è ricordarsi di averla messa e non sottovalutare i possibili effetti che potrebbero crearsi… ma cercare un aiuto per uscirne prima che diventi “pericolosa”… Grazie e buon pomeriggio!

    • per quanto si cerchi di non sottovalutarne i pericoli, non si ha mai un controllo reale della situazione.. un aiuto è sicuramente molto importante, a volte anche il solo sentirsi capiti è fondamentale.. grazie a lei e buona giornata

    • Vero Lisa…. quando vi siamo “dentro” non sempre riusciamo a percepirlo… ed è proprio importante il sentirsi capiti.

  13. La felicità è una chimera per chi non ha compreso quanta bellezza possiede al suo interno… le piccole cose che l occhio non vede…. esse sono l essenza della felicità♥♥♥♥♥

  14. I momenti di tristezza ed impotenza ci possono stare…basta viverli con consapevolezza attiva …attraversarli…e lasciarli andare….

    • Verissimo Maurizio… hai usato il termine “magico”… Consapevolezza attiva. Con quella si può veramente fare tutto ed essere consapevoli del tutto. Grazie! Buona serata.

    • Ci sto passando proprio oggi…son fresco

    • Huao!… Allora la tua testimonianza in “diretta” ha ancora più “peso”… Complimenti Maurizio…

    • Grazie Beba. Buona giornata!

  15. Per fare ordine ci vuole un grande disordine ed a volte i ruoli che ricopriamo non ci appartengono tanto da portarci alla deriva inconsapevolmente. Quando ci si rende conto si ha la sensazione che sia troppo tardi e ti da l’illusione che sia finita ma non é così, finché abbiamo respiro nulla é finito, allora ti butti nella tempesta e la senti tutta il freddo glaciale del dolore, la paura il terrore di andare incontro a qualcosa di nuovo che non si conosce e poi li a sostenerti il coraggio che ti riporta al sereno e ti fa respirare la libertà di essere un uomo nuovo

    • Bellissima riflessione Annalisa… si percepisce tutto il cammino che hai fatto… Tutta la forza che hai trovato nell’andare nei tuoi “inferi” e ritorno… Grazie…

    • E che inferi e che paradiso ed entrambi dimorano ancora in me, a volte in equilibrio a volte vogliono fondersi..ed io seguo il sentire, mi perdo e mi ritrovo
      .. grazie a te 😘

    • L’altalena della vita…

  16. Spesso il dolore che portiamo dentro, non abbiamo il tempo di elaborarlo subito, perché ci sono altre cose indispensabili che vengono prima..però il tempo passa e prima o poi verrà fuori..ecco sono arrivata a questo ora. Mi sono fermata e sto incominciando ad elaborare ed è molto doloroso,ma se mi volto e guardo indietro, mi rendo conto che se sono arrivata fin qui, posso arrivare anche oltre.. quindi Sì. ..si può ricominciare da capo, di sicuro è meno spaventoso del dolore che è stato vissuto nel passato e comunque ogni evento positivo o negativo serve per la nostra crescita personale.

    • Vero Anna… il processo non è certamente piacevole… ma, per quello che leggo, tu lo stai affrontando nel modo migliore. Soprattutto con la visione del “posso arrivare anche oltre”… che è la considerazione più forte… Buon “cammino” Anna e, se pensi che per qualcosa ti posso essere utile, contattami pure privatamente. Buona giornata

  17. Penso che abbiamo il DOVERE di reagire, perché abbiamo il DIRITTO di essere FELICI buon Sabato elfetto saggio tvb

  18. La felicità non esiste ..a meno che sei una persona egoista e te ne freghi di tutto ciò che ti circonda. Avere un animo ben disposto per affrontare cmnq la routine. Vivere di piccole gioie ed apprezzare il dono della vita.Lavorare sempre su se stessi per non perdersi e scivolare in pAtologie più serie.Osare in qualche follia se ti fa ridere.L’amore no ..quello non ci credo più..e non dico che va bene ..ma sono tranquilla…

    • Comprendo quello che scrivi Maria. Forse la felicità può esistere anche senza essere egoisti… anche quella fatta di quelle piccole gioie di cui parli o nell’osare in qualche follia… Magari sono attimi, ma possono essere attimi felici. Ed è proprio importante non lasciarsi scivolare in problemi più profondi… Buona giornata!

    • Buona giornata anche a te Franco e grazie 🌻

    • Il tuo counselor le piccole follie possono riguardare solo i sentimenti non certo cose e una piccola è appagante follia di un momento potrebbe costarti una delusione e amarezza superiore di sofferenza alla gioia di un momento. No, non carpe diem.

    • Certo Maria Antonieta… concordo con te in quello che una piccola ed appagante follia potrebbe poi produrre… Il senso della mia risposta a Maria è solo per lei. In altri non potrei mai “consigliare” un qualcosa che potrebbe produrre un danno. Il carpe diem è uno “slogan” sicuramente importante e motivante in certi ambiti, ma con la dovuta cautela… Grazie della tua precisazione.

    • Il tuo counselor grazie a te. 😘

  19. Buongiorno ❤️

  20. Concordo caro Franco

  21. Hai perfettamente ragione

  22. Se da capo non va bene, continuiamo ad iniziare

  23. la vita e’ dura da soli o in coppia…..l’importante trovare un senso a tutto anche se per molti nn e’ cosi’…..i miei piccoli alunni con il loro affetto mi coccolano e il. sorriso nn muore dal viso

    • Che bello Stefania… quelle coccole sono sicuramente delle risorse inestimabili!… Ed è vero… in tanti casi non è per tutti facile trovare un “senso”, ma se ci riusciamo, il tutto assume un significato più intenso. Grazie!

  24. Ottima riflessione. …un primis. Buon pomeriggio? Rispondo al quesito … Bisogna rinunciare è con velocità x star bene …..sconfiggendo l’inizio depressivo! È sciocco non’accorgersi …”chiedere conforto è aiuto è sintomo dì grandezza “.

    • Verissimo Lucia… chiedere conforto è veramente importante… Grazie e buon pomeriggio anche a te!

  25. Far finta….è sempre molto faticoso, le maschere pesano. Riuscire ad essere consapevoli del nostro qui ed hora è il primo passo verso la luce. Sai quante volte ho ricominciato? Almeno 3. Ma dentro di me so che ricomincio ogni mattina.

  26. La depressione dovrebbe saperlo è una malattia dovuta a carenza di dopamina serotonina…è altri neurotrasmettitori. …solo che non è accettata come il cancro. .solo hai il cancro tutti a dire che sfiga se sei depresso è solo colpa tua.

    • Grazie Sonia della tua utile e qui non presente precisazione. Concordo in quello che hai scritto. Soprattutto sulla “sfiga” che ti viene attribuita… quello che può essere fatto “prima” è comunque molto importante affinché non diventi una malattia. Grazie del tuo utile intervento.

  27. Sono decenni che è così. …chieda a chi ha portato fabo a morire in svizzera quanti depressi chiedono la stessa cosa….come chi dice che chi si suicida è perché è un codardo. ..rispetto per chi convive da anni con questa malattia e riesce persino ad accudire un figljo disabile da sola piangendo di notte e s l andò si al mattino col sorriso e tutto da sola…

    • Comprendo benissimo quello che scrivi Sonia… veramente… ma quando esiste una depressione di quel tipo è veramente importante, se una persona è in grado di capire cosa sta vivendo, affidarsi ad una terapia che possa aiutarla. La frase nella vignetta la possiamo considerare “l’attimo” prima che diventi una cosa grave. Ed è lì che è importante la “prevenzione” (sempre che una persona sia in grado di capire ciò che sta avvenendo). Non posso che onorare le persone, come tu scrivi, che convivono con quello stato e si prendono comunque cura di chi gli sta vicino…

    • Lo sto già facendo

    • Grazie ho le basi per capirlo sono laureata in psicopedagogia com indirizzo psicologico

    • E quindi… onoro il tuo impegno Sonia… per quello che ti è possibile, prova a individuare un terapeuta vicino a te che ti possa aiutare (se ce ne fosse il bisogno) anche sull’altro lato…

    • C’è l.ho già grazie

    • Da più di un anno

    • Ma……

    • Capisco Sonia… non sempre i benefici si “vedono” subito… Ma è comunque importante che ci sia questa figura accanto…

  28. Grande pensiero…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *