“La sega mentale che dà piacere è benefica” (Giulio Cesare Giacobbe)

Posted on Mag 9, 2017 in Blog, Riflessivo | 99 comments

“La sega mentale che dà piacere è benefica” (Giulio Cesare Giacobbe)

"La sega mentale che dà piacere è benefica" (Giulio Cesare Giacobbe)

“La sega mentale che dà piacere è benefica”
(Giulio Cesare Giacobbe)

Buongiorno!
Vediamo un po’ di seghe mentali benefiche…
Giulio Cesare Giacobbe suggerisce che “un tipo particolare di sega mentale benefica è il pensiero creativo”.
Quindi largo a tutto ciò è arte, scienza filosofia, ecc. (ve ne vengono in mente altre?).
Se paradossalmente il mondo reale non mi piace e me ne “invento” uno dove ci sto da “dio”… quella è una sega mentale benefica (anche se diventa una bellissima fuga dalla realtà…).
Ma poiché ci sto bene, ne godo e mi solleva… diventa una bellissima “sega mentale”!
Giacobbo aggiunge una frase molto simpatica…
“Le seghe mentali sono come i funghi: quelli velenosi uccidono; quelli non velenosi se ingeriti in grande quantità fanno venire mal di pancia.”
Il pericolo vero diviene quindi quello dell’estraniarsi dalla realtà… il perderne il contatto…
Cosa ne pensate?
Buona giornata!

Segui i commenti su FaceBook!

Leggi cosa possiamo fare assieme

Scrivimi, ti rispondo velocemente

99 Comments

  1. Huau!! Allora io sono brava con le seghe mentali benefiche!!
    Io li definivo sogni..ed i sogni a volte si avverano..no! hai ragione.. meglio seghe mentali..quelle sai per certo che rimarranno tali!!! Non illudiamoci!!!

    • Ah bhé!… Almeno adesso sappiamo come si chiamano!!! Però, in giuste dosi, sono benefiche! È quindi largo a qualche pillola di sogni quando ci occorre!

  2. Buondi Franco !Grazie hai scosso i miei pensieri negativi che devo proprio allontanare !Nn faro’piu le seghe mentali !Pensa positivo xche son vivo canta Jovantti Felice giornata Franco

  3. Buongiorno!

  4. Vero …chi medita tanto infatti riconosce il divino che è in sé e si “illumina di immenso”… ma si estranea dal mondo …almeno da quello che percepiamo e viviamo come mondo quotidiano. Ma anche la sega mentale negativa ti estranea dalla realtà perché ti fa focalizzare sull’ ansia e sulla paura il tuo tempo. Indi…

    • Indi… attenzione a tutto ciò che ci estranei più del “dovuto”… Certo, i monaci hanno scelto quello come stile di vita… ma se non siamo monaci, potremmo comunque incorrere in qualche amara sorpresa… Grazie Enza! Molto interessante come riflessione…

    • Allora facciamo così …una sega mentale al giorno toglie il medico di torno …positiva o negativa che sia a un certo punto tu mandala via😉…

    • Venduta!!!!!

  5. …credo proprio..che sia cosi’..come dici…. tu….fuggire dalla realta’ anche no….ma trovare in noi una giusta dimensione per sopravvivere…. e poi ..imparare anche..a vivere..dentro la realta’ senza..farci pero’..troppo…male…!

    • Ecco… quello che hai descritto è proprio un “giusto” compromesso… grazie!

  6. Oggi si mi faccio le seghe mentali!!! Smetilla Paula, segui il tuo percorso, mi sto vedendo dall alto!!! Grazie

    • Fantastica Paula!!!! “Segui il tuo percorso”… bellissima incitazione che ti dai!

  7. Buongiorno Franco, si, belle le seghe mentali benefiche, ma….quando ti svegli come è?? Sognare va bene, mi perdo nell’immaginare un qualcosa che desidero fortemente, ma vivere immersi un’immaginaria può essere pericoloso. Il risveglio potrebbe essere traumatico

    • Si… Ed è come prendere coscienza che abbiamo vissuto in un sogno… ed allora, paradossalmente, potrebbe scattare anche una sorta di autocommiserazione… per niente “piacevole”… con tutto lo strascico di autocritiche dietro… Ma, il “giusto” sogno… è bellissimo e fa bene!

  8. Paola Proietti grazie per il like

  9. Concordo…

  10. Praticamente tutto e il contrario di tutto

    • Ciao Cinzia. Puoi farmi capire meglio?

    • Fra seghe mentali benefiche e seghe malefiche quelle positive fanno bene quelle negative no

    • Vero… anche quelle benefiche, se abusate, possono creare dei problemi…

    • Creano arroganza?

    • Scusa è ora di pranzo e sto disturbando

    • Forse creano più “asocialità”… nel senso che a lungo andare possono far estraniare dalla realtà. Nel “breve” può essere un sistema utile e positivo, alla lunga potrebbe essere anch’esso dannoso. Cosa ne pensi?

    • Io lo definirei senso di onnipotenza gratuita

    • Che poi quando cadi sono dolori

    • Si può leggere anche così quando è vissuto a lungo…

    • Io non sono una ragazzina e l esperienza mi ha fatto conoscere credo tutte le sfaccettature un saluto

    • Certo Cinzia… l’esperienza ci mette di fronte a molte cose. Grazie ed un saluto per un buon proseguo di giornata.

  11. Yess la sera mentale benefica è stupenda✨✨✨✨✨✨tantissima fantasia creatività

  12. … spesso e volentieri… e non me ne pento…

  13. Ché qualche volta ci vogliono. Cosi ci si rilassa e si è più felici
    Alla faccia del resto .Namaste

  14. Si per me la sega mentale mi da piacere in mia mente, perche cose non risolte con un viaggio lungo, spero avere quello che mi aspetta a me, e mio figlio dopo tanta fatica e lotta ancora da fare, si chiama speranza!!!!❤

    • Ed è un bel pensare la “speranza” Paula! Quello che è importante è che non diventi solo un pensiero fisso che potrebbe allora diventare negativo.

    • No negativo, piano, piano insieme lo facciamo insieme con le sue pause dovute con tanto amore sempre presente i mie genitori, figlio apoggia tanto a me, anche lui a un padre buono lontano, anche non insieme lo abbiamo cresciuto con tutto che serve per essere un uomo per bene!!!!❤

    • Bellissimo Paula!!!

  15. quante me ne faccio……per illudermi di vivere come vorrei…

    • Buongiorno Stefania! Eh si… il farsele può essere di aiuto in certi momenti… Potrebbe diventare alla lunga “pericoloso” quando ci si estranea troppo dalla realtà.Ma ogni tanto è proprio bello viverle!

    • infatti….ma la mia unica consolazione per combattern in “questa giungla “

    • Compendo bene Stefania… Forse potresti “allentare” la tensione praticando anche un po’ di mindfulness. Potrebbe essere un sistema per non “volare” e rimanere comunque nel momento presente senza “affanni”. Così potresti alternare i due sistemi!

    • cerco di fare attivita’ fisica quando la schiena me lo permette. …..leggere e “volando in realta’ diverse”…..viaggiare poco….insomma quel che posso per “consolarmi”

    • certo! Prova a cercare in rete le meditazioni della Mindfulness. Se non le hai mai provate, potrebbero esserti utili.

    • mai provato

    • in libreria dovresti trovare anche degli ottimi testi con cd audio.

    • il trineng autogeno neanche riuscita a farlo…..

    • Questa è un po’ diversa…

    • mi documentero’ Ti ringrazio😊

    • È un piacere Stefania. Buon sabato.

    • grazie anche a te

  16. Quella che definiamo realtà mi pare sia strapiena di seghe mentali.

  17. La realtà va sempre considerata… altrimenti si paga sempre il conto in termini di sofferenza… è solo questione di tempo. Quello che può cambiare è la percezione che si ha di essa che conduce a nuove prospettive e ad​ un sentire più vitale nonostante i problemi e le difficoltà. La realtà è la nostra insegnante, il nostro metro di misura, la verità che se accolta libera davvero,il resto è solo menzogna .

    • Molte interessante la tua sintesi Carmen. Ed è in quella accettazione di cui tu scrivi che possiamo essere “liberi” dai condizionamenti. Poi, se ogni tanto ci fa piacere, abbandonarsi a qualche volo di fantasia può alleggerire qualche tensione. Sapendo poi che torniamo a quella “realtà”. Grazie. Buon sabato.

    • Sognare, sapendo di sognare è un atto creativo. Ciao, buona giornata a tutti.😊

    • Grazie!

  18. Vivi qui e ora ????niente passato..niente futuro ma solo il presente!!!Carpe diem!!!

  19. Fantastico ma sempre di “sega” si tratta..cioe’ stimolazione forzata atta a procurarsi piacere. Alla lunga stanca non puoi sempre fuggire da cio’ che non ti piace. E se quel non ti piace fosse una difesa.? Che metti davanti ad ogni cosa come un filtro per paura di vivere?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *