“Soltanto i più forti fanno i conti con la solitudine, gli altri la riempiono con chiunque.” (Anonimo)

Posted on Mar 23, 2018 in +100 Like FB, Blog, Motivazionale | 2 comments

“Soltanto i più forti fanno i conti con la solitudine, gli altri la riempiono con chiunque.” (Anonimo)

“Soltanto i più forti fanno i conti con la solitudine, gli altri la riempiono con chiunque.” (Anonimo)

“Soltanto i più forti fanno i conti con la solitudine, gli altri la riempiono con chiunque.”
(Anonimo)

Leggermente forte come affermazione…
ma più che comprensibile nel suo “messaggio”…
Certo, ci sono momenti in cui possiamo veramente aver bisogno di compagnia, conforto ed è normale che sia così (non vuol proprio dire che siamo “deboli”).

Quello che può essere importante è che riuscire a stare bene con noi stessi nel “resto” dei momenti.
In modo da poterci “ascoltare”.

Buona giornata!

Segui i commenti su FaceBook!

Leggi cosa possiamo fare assieme

Scrivimi, ti rispondo velocemente

2 Comments

  1. Le situazioni degenerano perché si parte da lontano senza pensare alle conseguenze del giudizio morale. La passione che porta a piangere dovrebbe invece spingere a giudicare secondo giustizia e ragione perché sono in discussione i nobili valori di cui l’uomo è depositario. Il “tema” è quello della passione civile e vediamo che anche quanti scelgono la vita religiosa lo interpretano separatamente da quello religioso. Se scelgo di attenermi alla dottrina della fede lo faccio perché ho l’assoluta certezza che non sono vincolata a mio marito perché nella mia vita ci sono figure autorevoli che riempiono i vuoti che lascia con la sua fiacchezza morale. Se questo non dovesse bastare a muovere il suo orgoglio mi sentirei incentivata a comportarmi di conseguenza, senza volergliene. Non posso pretendere la santità. L’idea di tornare a casa dai genitori è sostenuta dalla convinzione che la riflessione politica ed etica ti consente di essere presente nella cronaca municipale come una donna libera che non sta a casa a guardare suo marito che vive la sua seconda giovinezza. Lo studio legale dovrebbe essere l’ultima tappa del processo di emancipazione. Altrimenti meglio rinunciare all’assegno di mantenimento.

    • Molto intensa la tua riflessione… in cosa senti che potrebbe essere importante fare i conti con la “solitudine”?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *