“Non è vero che le cose passano. Non passano mai. Sei tu che, ad un certo punto, gli passi davanti sorridendo.” (Cit.)

Posted on Lug 21, 2017 in +100 Like FB, +200 Like FB, +300 Like FB, Blog, Riflessivo | 112 comments

“Non è vero che le cose passano. Non passano mai. Sei tu che, ad un certo punto, gli passi davanti sorridendo.” (Cit.)

"Non è vero che le cose passano. Non passano mai. Sei tu che, ad un certo punto, gli passi davanti sorridendo." (Cit.)

“Non è vero che le cose passano. Non passano mai. Sei tu che, ad un certo punto, gli passi davanti sorridendo.” (Cit.)

Eh si…
Gli episodi “dolorosi” è molto difficile che vengano dimenticati del tutto.

Ed è su quelli nei quali possiamo avere un forte risentito emozionale che è ancora più difficile passargli davanti sorridendo…

Ma in tanti casi è possibile farlo…
E molto dipende dalla nostra “voglia” di farlo
Anche semplicemente perché “sorridendoci” possiamo essere più “leggeri” nel proseguo del nostro cammino…
Cosa ne pensate?
Buona giornata.

Segui i nuovi commenti su FaceBook!

Segui i commenti su FaceBook!

Leggi cosa possiamo fare assieme

Scrivimi, ti rispondo velocemente

112 Comments

  1. Buongiorno Caro Franco , concordo con Te ‼️

  2. …no…non passano mai del tutto…ma con il tempo lì riesci a vedere sempre un pò più meno dolorosi e riesci ad apprezzare quello che di positivo ti hanno dato….fino a che ormai non li ricordi con una lacrima e un sorriso contemporaneamente…
    Buongiorno!

  3. Nuova e vera teoria!!! Buonissima giornata Franco

  4. Il tempo ammortizza e impari a guardare oltre….

  5. Momenti passati sempre restano in un angoletto di nostro cuore, solamente vado avanti con la forza interiore , con un sorriso pensando altro. !!!!!!

    • Ed è una bella forza in quel caso il sorriso Paula… Buongiorno!

    • Il sorriso falso e ipocrita. Cosa c’è da sorridere di fronte ad un male i un dispiacere????

      • Comprendo Davide… in effetti riuscire a sorridere di fronte ad un male o ad un dispiacere nel momento in cui si presentano non è sicuramente “semplice”. Forse è nel “dopo” che possiamo riuscire a passarci accanto con una consapevolezza diversa…

  6. Non è facile sorriderci.. superare certi risentimenti. E forse del tutto non ce la facciamo mai…ma possiamo vedere quell’episodio come un insegnamento che non avremo avuto senza.. e allora forse dobbiamo anche ringraziare…
    Buongiorno Franco!!

    • Vero Daniela… lo possiamo leggere veramente come un insegnamento… ed allora, in quel momento, la consapevolezza acquisita non può che “ringraziare”… anche se è stato un momento difficile. Buongiorno!

  7. Buongiorno. Buona giornata

  8. Io soffro di memoria a breve termine. ..e a volte è un gran bel difetto! Buona giornata a te

    • Concordo! In certi casi è proprio un bel “difetto”! 😀 buona giornata Tizy.

  9. No,non passano,specie se l’entità del dolore provocato è notevole.Ma poi fortunatamente realizzi che necessiti di un atto d’amore verso te stessa e decidi di passare loro davanti, ma di certo non con un subitaneo sorriso.Se riesci a compiere quel benefico passo,il peso che ti opprimeva dentro pian piano si diluisce ed alleggerisce l’esistenza.

    • Vero Angela… penso che la parola chiave, come giustamente sottolinei, è amore verso di te… che ti può portare verso quel primo di tanti passi…

    • Buona giornata!

  10. Buongiorno !!!

  11. …passando davanti vuol dire che stiamo superando quel momento doloroso….con un sorriso poi, è avere il cuore più leggero! Buona giornata con un sorriso 🙂 !!

    • Vero Cristina!… in quel momento il “peggio” è passato o sta passando… è la sensazione ritrovata del cuore leggero diventa allora impagabile… Un sorriso anche a te per una buona giornata! 😀

  12. Il dolore non si dimentica, con il tempo diviene più lieve e si trasforma in una cicatrice dell’anima…

    • Forse Mariella, quello che si può dimenticare è l’intensità del dolore stesso (e meno male…). In quel modo possiamo veramente guardare quella “trasformazione”…

    • Senza dubbio, anche perché un dolore violento e continuo può uccidere.
      Per fortuna siamo “macchine perfette”‘…’

    • Vero!… Buona giornata Mariella.

    • Concordo….pienamente!

    • grazie Elisabetta. Buon pomeriggio

  13. Rielaborazione di un trauma!
    Qualcosa di piuttosto complesso che passa attraverso l’accettazione che è l’opposto della rassegnazione o della rabbia.

    • Concordo Emanule. Nell’accettazione possiamo iniziare a dare anche un “senso” diverso a ciò che è accaduto.

    • E li sta il punto arrivare a capire che un evento vissuto in maniera negativa forse non lo era cosi tanto o semplicemente serviva x spiegarci qualcosa o x una crescita personale 🙂

    • Proprio vero Emanule… lì sta proprio il punto… ed è veramente importante saperlo “collocare” dentro di noi nel modo “giusto”!

    • Spesso poi questi traumi + o meno importanti, sono generati da aspettative disilluse poi dalla realtà!
      Ciò che sta dietro xò a queste nostre aspettative sono i nostri bisogni, e mi riferisco alla loro classificazione fatta da Maslow nella sua piramide dei bisogni.
      Spesso abbiamo bisogni di natura sociale di appartenenza, di stima, affettivi e di auto realizzazione che sono a volte anche inconsci e trasportiamo essi sugli altri x essere soddisfatti.
      quando xò le nostre aspettative che c creiamo x soddisfare questi bisogni non vengono soddisfatte li nasce il trauma.
      Lei che ne pensa?

    • Concordo Emanuele. Molte sono delle nostre “proiezioni” su ciò di cui abbiamo bisogno sugli altri. Oltre a Maslow (fondamentale…), prova (ci possiamo dare del tu?… Mi chiamo Franco) a cercare in rete i “bisogni di base” della psicologa olandese Fiona Brower che in qualche modo “integra” lo studio in modo “orizzontale”.

    • A mio avviso poi x evitare questi prob, diminuirli e superare questi traumi se il bisogno è inconscio è necessario portarlo alla parte cosciente del pensiero accettarlo e di li farsi aspettative coerenti al piano della realtà!

    • Grazie franco lo farò sicuramente! Amo la psicologia forse deformazione professionale lavorando nel sociale 🙂

    • Mi hai dato un’ottimo suggerimento mi andrò a documentare sicuramente!
      Mi ha fatto piacere la chiacchierata! Alla prox buona giornata 🙂

    • Anche a me Emanuele! Alla prossima.

  14. Non è facile….Ma è la cosa giusta da fare per continuare a vivere!!!!

    • No… facile non lo è Carla! Ma come giustamente sottolinei te, si vive in modo diverso!

  15. Buongiorno

  16. Verissimo….

    • Eh sì… buona giornata Lara.

    • Buongiorno!Ci sto provando con tutta me stessa….non è ne facile ne semplice ma con pazienza e tenacia si può fare ……😊

    • vero Lara! Sono due “ingredienti” importanti!

    • Ho capito con il tempo e le esperienze che è molto piu difficile “lasciare “andare le cose non funzionali che tenerle …..

    • si… è un pochino più “complicato”… se pensi che posso esserti utile in qualcosa, contattami pure in privato.

    • Si …sono stata sintetica ….grazie lo farò senz’ altro

    • Buon pomeriggio Lara.

    • Altrettanto..

  17. Buongiorno

  18. Lo spero tanto… ne ho bisogno e ci voglio credere! Grazie grazie mille

  19. Meraviglioso questo post…a dopo!

  20. Si, si può, ma su certe cose e molto dfficile sorridere; come una disgrazia o la morte di un figlio… Piuttosto si impara a convivere con il dolore a esorcizzarlo, a trasformarlo in qualcosa di positivo…. Serve una grande forza interiore per viverlo quotidianamente con il sorriso!

    • Concordo Lucy… su certe cose è proprio difficile sorridere… su altre possiamo riuscirci cercando di capire “cosa” hanno significato per noi nella nostra “nuova” consapevolezza… ma occorre una bella forza e volontà… anche se poi può ripagare molto.

    • Buona giornata Franco 😊

    • Anche a te Lucy! 😀

  21. Guardi avanti non c’è alternativa. ..quello che è passato e andato ormai ….bello brutto che sia

  22. Tutte queste crepe col tempo diventano motivo di rottura il nosto cervello fa si che siamo terremoti provocato danni

    • È possibile Fabio che queste crepe alla lunga siano pericolose… È per quello che, se ce ne rendiamo conto, è importante correre a “ripararle”…

  23. Irreversibili

  24. Concordo Franco. Non è facile placare certi dolori ma con l’aiuto giusto e la voglia di guardare quello che è successo con uno sguardo nuovo, si può sorridere anche degli strappi emotivi più difficili. ❣️❣️

  25. Eccomi! L’avevo saltato! Ce l’ho, ce l’ho…mi manca! Colleziono commenti sui post!
    In effetti, molto spesso, le cose rimangono esattamente tali e quali…siamo noi che, risolti alcuni nostri problemi interiori di tipo “condominiale”, riusciamo a vederli in maniera diversa…a sorriderci sopra! Beh! Un bel traguardo no?…e…solo poco tempo prima, chi l’avrebbe mai detto??? Buona serata, Capitano!!!…con 52 tiratine di orecchio!

    • Vero!!! “Chi l’avrebbe detto”… e solo con la consapevolezza “acquisita” dopo questa frase, potremmo riuscire ad affrontare veramente tante altre cose…

    • Infatti io mi stò adoperando per far sorridere anche i miei condomini…quelli veri! Mah…la vedo dura!!!

  26. “Sorridendo” dici??…sarebbe già una gran conquista!!

  27. E si dopo tanto c’e n’è facciamo una ragione !

  28. Con la opssibilità di cambiare emozionalmente il passato. 🙂

    • Si!… Ed è una sensazione fantastica…

    • Consapevolezza Emotiva:
      ESSERE COSCIENTI DELLE NOSTRE VULNERABILITÀ EMOTIVE NON LE FARÀ SCOMPARIRE, MA AVERE UNA CONSAPEVOLEZZA PIÙ PROFONDA DI ESSE IMPLICA CHE OGNI VOLTA CHE COMPARIRANNO NELLA NOSTRA VITA, POTREMO IDENTIFICARLE E AGIRE SU DI ESSE, IMPEDENDO CHE AFFOGHINO I NOSTRI LEGAMI EMOTIVI. 🙂

    • Vero Andrea… La consapevolezza in questo può fare veramente molto…

    • La consapevolezza è il nostro tempo! 🙂

  29. Buon pomeriggio Franco!

  30. Dolce pomeriggio Franco

  31. Sì…dopo aver superato diatribe interiori, marasmi, ostacoli, difficoltà, incertezze ed indecisioni, gelosie e invidie…ecco, tutto ciò non ha spento il sorriso…lo ha “solo” illuminato!!!

  32. Meno male, me rido anche di traverso, non ce male che duri 100 anni, almeno. Il sorriso 120 !!!!!❤

  33. Buona serata. .. non semplice ma hai ragione. .. c è un momento che ti dici… adesso vado oltre. ..

    • Vero Patrizia… ad un certo punto puoi veramente andare oltre…

  34. Buona serata Franco

Rispondi a Salete Lopes Lopes Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *