Passaggio da Consapevole e Incompetente a Consapevole e Competente

Posted on Lug 4, 2016 in Blog, Riflessivo | 6 comments

Passaggio da Consapevole e Incompetente a Consapevole e Competente

Proviamo un po’ a vedere un eventuale passaggio da Consapevole e incompetente a Consapevole e competente!

Quando si parla di paure e di fragilità diventa quasi automatico nasconderle, metterle in ombra…

Ma non si può parlare di ombra senza pensare alla luce, poiché senza di essa non potrebbe esistere.

Essere in luce presuppone direttamente che una parte sia in ombra e che questa zona d’ombra, in qualche modo, denota il limite della luce stessa, la risalta, ne è il profilo.

Pensando ai capolavori classici della pittura, non possiamo non osservare come l’ombra sia indispensabile per la lettura stessa dell’immagine, come sia così drammaticamente indispensabile per il contrasto di emozioni che può suscitare.

Pensando alla componente visiva del contorno che l’ombra ci enfatizza, prendiamo velocemente in esame una accezione, che non è presente nella nostra lingua.

“Dal greco “skià”: profilo, contorno, orlo.

Siamo così in presenza dell’ombra che definisce, dell’ombra che delimitando permette di cogliere, separare, di differenziare.
Pertanto, posso iniziare a percepire l’ombra non come un limite ma come una definizione, non come ciò che manca ma come il confine che mi definisce” (Mario Trevi ed Augusto Romano “Studi sull’ombra”).

L’Ombra può scaturire sia inconsciamente che consciamente.

Quando è inconscia non possiamo vederla direttamente, poiché è nascosta, e pertanto dobbiamo guardare le punte dell’iceberg:

“- l’Ombra si nasconde nelle nostre vergogne segrete.
– l’Ombra si nasconde nelle nostre proiezioni, nelle nostre reazioni violente nei confronti di un aspetto che vediamo negli altri ma non riusciamo a vedere in noi stessi.
– l’Ombra si nasconde nelle forme di dipendenza.
– quando parliamo, l’Ombra erompe attraverso i lapsus.
– l’Ombra erompe attraverso l’umorismo, soprattutto sotto forma di battute crudeli alle spese di qualcun altro e di comportamenti ridicoli.
– l’Ombra si presenta sotto forma di sintomi fisici. Noi possiamo anche raccontare bugie, ma non il nostro corpo. Noi possiamo anche dimenticare una violenza subita, ma non il nostro corpo.
– l’Ombra balla nei nostri sogni.

Poiché l’Ombra si forma nella primissima infanzia e che nel tempo, come tutti i caratteri, assume i suoi tratti peculiari e distintivi, risulta necessario affrontarla in un percorso di aiuto in modo da riuscire ad onorarla e comprenderla” (Connie Zweig e Steve Wolf “Il volto nascosto dell’anima”)

logo neutro

Segui i commenti su FaceBook!

Leggi cosa possiamo fare assieme

Scrivimi, ti rispondo velocemente

6 Comments

  1. ..non ha caso quando si dipinge prima si tracciano le ombre per definire gli spazi e dare volume e corpo alle immagini e poi segnamo ed accentuiamo i campi di luce
    ….non si finisce mai di imparare! Grazie Franco!!

  2. Buona notte!

  3. Devo prendere appunti sulle tue letture……GRAZIE. …GRAZIE DAVVERO

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *