Elaborare un lutto

Posted on Lug 23, 2016 in Blog, Riflessivo | 29 comments

Elaborare un lutto

Cosa vorresti avere per rendere vivibile la tua vita

logo neutro

Scrivo questo post per una Amica che in questi giorni si trova un po’ in difficoltà…

logo neutro

Il senso di “lutto” non deve essere solo inteso nei confronti di persone che non sono più su questo piano di realtà, ma anche nei confronti di un qualcosa che si è “rotto”, non per nostra volontà, e di cui noi ne stiamo subendo le conseguenze (una relazione di lavoro, di amore, di amicizia, ecc.).

Anche se l’esperienza del dolore è una parte inevitabile e naturale del processo di guarigione, in certi casi si può prolungare ed aggravare inutilmente, combinandola così con sensi di colpa (“potevo fare di più?”, “potevo fare qualcosa di diverso?”), rimorsi (“potevo almeno avergli detto che…”, “se avessi fatto quello che desiderava e che in quel momento mi stava peso….”, ecc.), rabbia (“Non è giusto che sia andata così!”, “Perché proprio ad essa/o?”, “Perché proprio a me?”, “Dio perché hai permesso questo?”, ecc.), ed altre emozioni negative (“come posso farcela da sola/o?”, “Mi sembra tutto così duro…”, ecc.).

logo neutro

La dottoressa Elisabeth Kübler Ross ha elaborato un modello a cinque fasi che permette di capire le dinamiche mentali più frequenti della persona a cui è stata diagnosticata una malattia terminale, ma che è stato constatato valido ogni volta che ci sia da elaborare un lutto affettivo, lavorativo, ecc.
Il suo è un modello a fasi, e non a stadi, per cui le fasi possono anche alternarsi, presentarsi più volte nel corso del tempo, con diversa intensità, e senza un preciso ordine, dato che le emozioni non seguono regole particolari, ma anzi come si manifestano, così svaniscono, magari miste e sovrapposte.

logo neutro

1. Fase della negazione o del rifiuto: questa fase è caratterizzata dal fatto che la persona, usando come meccanismo di difesa il rigetto dell’esame di realtà, ritiene impossibile di avere davvero subito quella perdita. Il processo di rifiuto della verità può essere funzionale per proteggerlo da un’eccessiva ansia di morte e per prendersi il tempo necessario per organizzarsi.

logo neutro

2. Fase della rabbia: dopo la negazione iniziano a manifestarsi emozioni forti quali rabbia e paura, che esplodono in tutte le direzioni. La frase più frequente è, perché proprio a me? È una fase molto delicata dell’iter psicologico e relazionale.
Rappresenta un momento critico che può essere sia il momento di massima richiesta di aiuto, ma anche il momento del rifiuto, della chiusura e del ritiro in sé.

logo neutro

3. Fase della contrattazione o del patteggiamento: in questa fase la persona inizia a verificare cosa è in grado di fare, ed in quale progetti può investire la speranza, iniziando una specie di negoziato, che a seconda dei valori personali, può essere instaurato sia con le persone che costituiscono la sfera relazione del paziente, sia con le figure religiose. In questa fase, la persona riprende il controllo della propria vita, e cerca di riparare il riparabile.

logo neutro

4. Fase della depressione: rappresenta un momento nel quale il paziente inizia a prendere consapevolezza delle perdite che sta subendo o che sta per subire e di solito si manifesta quando la malattia progredisce ed il livello di sofferenza aumenta.

logo neutro

5. Fase dell’accettazione: quando la persona ha avuto modo di elaborare quanto sta succedendo intorno a lui, arriva ad un’accettazione della propria condizione ed a una consapevolezza di quanto sta per accadere o è accaduto; durante questa fase possono sempre e comunque essere presenti livelli di rabbia e depressione, che però sono di intensità moderata. In questa fase tende ad essere silenzioso ed a raccogliersi, inoltre sono frequenti momenti di profonda comunicazione con i familiari e con le persone che gli sono accanto. È il momento dei saluti e della restituzione a chi è stato vicino al paziente.

logo neutro

L’elaborazione di un lutto non è mai una passeggiata… Possiamo cercare di essere forti quanto ci pare, ma ci saranno sempre dei momenti in cui non potremmo fare a meno di aver bisogno di annusare l’aria e sentire anche l’odore della persona che adesso non è più in questo nostro piano di realtà… (ma anche della persona che ci ha lasciato, del rapporto di lavoro che si è interrotto, ecc.) Purtroppo sta solo a noi dare la “giusta” collocazione nel nostro cuore e nella nostra mente di quel vuoto che sentiamo… È una spirale che a volte si abbassa e poi improvvisamente si riacutizza… Ed è nel momento in cui è bassa che possiamo immagazzinare tutte le risorse necessarie per affrontare quando sarà più alta….
Solo il tempo… può aiutare.
Quel tempo che talvolta passa lento ed interminabile quando siamo nel dolore… e lo stesso tempo che passa veloce nei momenti felici!

logo neutro

Per qualsiasi ulteriore chiarimento o approfondimento, scrivetemi a “franco@iltuocounselor.it”

Buon sabato a tutti!

logo neutro

Fonti:
Materiale didattico della scuola di Counselor Il Cerchio dell’esperienza – Firenze

https://it.wikipedia.org/wiki/Elisabeth_Kübler_Ross

 

Segui i commenti su FaceBook!

Leggi cosa possiamo fare assieme

Scrivimi, ti rispondo velocemente

29 Comments

  1. Come farei senza le tue Perle di saggezza dettata da Grande Esperienza!!

  2. Altro che fasi!! Qui è un tornado di emozioni incontrollabili !! ….

  3. Grazie

  4. Grazie ❤

  5. L’elaborazione di un lutto è sempre una tematica molto delicata, ognuno di noi , in base alle sue mappe mentali lo introietta, lo elabora, lo scannerizza, lo immagazzina….
    Il dolore è sempre qualcosa da lasciare “fuori dalla porta ” ,ma non sempre è così scontato che avvenga.

    • Si… non è sempre scontato, proprio per l’unicità della persona. Quelle che ho riportato sono delle “linee” di riferimento che talvolta ci possono aiutare a comprendere qualcosa di ciò che può avvenire dentro di noi in quei momenti.

  6. Diagnosi puntuale ed esauriente.Rimedi sicuri ed efficaci?In attesa che il tempo possa fornirceli a breve termine.

  7. E chi dalla fase depressiva non si riprende ancora ?!?!

  8. Caspita Franco, questo post è prezioso, lo salvo e, se me lo permetti, lo condivido con un’amica che ha appena avuto un lutto familiare. ❤️ In effetti è un passaggio delicato in cui ognuno di noi passa più volte. Riprendersi ed elaborare non è semplice, serve una buona guida. Per rispondere alla vignetta, la nostra vita è già vivibile per definizione. Sta a noi migliorare ogni giorno la qualità, il tempo, con serenità.❤️

    • Certo che puoi condividere!… Spero che le possa servire…

    • Penso proprio di sì. Non è ancora arrivata al “crollo” le sará utile comprendere il meccanismo ❤️ grazie Franco

    • È un piacere Concetta!

  9. Quanto e vera la prima parte della lettera……e’una dura ezperienza di questi tempi ♥

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *